Passo a due

Tanto la mente e il corpo brancolavano per incontrarsi, alla ricerca dell’altro senza trovare comprensione, tanto ora hanno un gran bel dialogo.
Arrivano a compromessi discutendo e confrontandosi in un continuo dialogo, a volte logorroici come solo loro sanno fare e a volte così leggeri da divenire quasi eterei.
Gioiscono sia dei pensieri che del sentire nel corpo come se fossero fratelli, come se fossero nati insieme per questo.

Soffrono spalla a spalla, l’una a fianco dell’altro come dei compagni fedeli che ogni giorno si scelgono.
E in tutto questo le sensazioni si crogiolano in uno stato di pienezza, di unicità, di totalità per poi espandersi nel fuori coinvolgendo ogni cosa vicina.
Così, lo stare nel momento diviene una piacevole avventura ogni volta differente, con sapori amari o come miele; come punk più sfrenato o come la più dolce delle note; come fiume in piena o sabbia calda; come il profumo di un limone o come il profumo di un rosa appena sbocciata; come la visione di un luogo affollato o l’alba dal colore più caldo che si possa immaginare.
Il qui e ora si manifestano nella loro meravigliosa unicità portando con sé la Consapevolezza, la quale colora il toto di infinito.

Sara Tomasoni

LEGGI ANCHE
CONDIVIDI
FacebookTwitter