Sussurri inaspettati

Il sorriso è qualcosa di speciale, quando siamo in compagnia, molto spesso involontario, di tenerezza, di educazione, di compiacimento, di sorpresa. E poi c’è quello invece che arriva quando sei da solo, quando non ti vede nessuno, quando sei assorto e perso nei tuoi pensieri, in mezzo alle mille cose da fare, quando chiedi un po’ di silenzio, un po’ di pace, un po’ di tregua, allontani i pensieri, solo silenzio… sempre più silenzio… eccolo!

È in quel preciso momento che arriva, quel sorriso che non ti aspetti, quello che sembra non avere senso. Ti è arrivato un sussurro, un’intuizione, magari una soluzione. Tutto sembra prendere forma, tutto sembra avere un senso. Adesso mentre sorridi hai un’espressione sciocca, ma tu continui a tenere gli occhi chiusi, perché hai paura che se ne vada. Prendi consapevolezza.
Non potrebbe essere altrimenti. Avevi ragione. Lei aveva ragione, la tua anima, è lei che ti sussurra nell’orecchio… e tu sorridi.

Questo è quello che mi è successo qui.
Mi rilasso… respiro piano, i pensieri cominciano a lasciare posto al silenzio.

Ho sorriso.

Nel silenzio quando, piano piano tutto comincia a trovare il suo posto dentro, mentre io comincio a trovare il mio posto fuori.
Ha un senso. Deve essere così, altrimenti nulla avrebbe un significato, non avrebbe senso il cielo blu, non avrebbe senso il mare, le montagne e tutto quello che ci circonda, non avremmo senso noi.
Tutto prende una forma, allora vorrei alzarmi, vorrei spiegare a tutti cosa mi sta succedendo, vorrei spiegare il sorriso, la pelle d’oca, l’emozione di aver trovato qualcosa di grande, di far parte di qualcosa di grande, ma per il momento decido di assaporare fino in fondo quella sensazione eccitante e meravigliosa che arriva quando la mia anima mi sussurra un pensiero per farmi sorridere.

Riappropriamoci di quelle sensazioni, di quelle emozioni della nostra parte più profonda e sincera, della nostra anima, del nostro sorriso.

Manola Lorenzet

LEGGI ANCHE
CONDIVIDI
FacebookTwitter